fbpx

 

Piano e Calendario Editoriale, gli strumenti del mestiere

Oggi vi parlerò del piano editoriale, ne avete sentito parlare? Be’ sicuramente sì, ma se c’è qualcuno che ha ancora le idee confuse ecco un piano editorialebreve riassunto per dare maggiori informazioni e suggerire una scaletta per organizzare il piano editoriale e la strategia di marketing.

Uno dei principali strumenti del blogger e del social media manager è quello del piano editoriale. Con piano editoriale si intende un documento che ti permette di pianificare i contenuti da pubblicare online. Coloro che si occupano di social in modo professionale o anche amatoriale, ma con una strategia imprenditoriale, hanno bisogno di un piano editoriale.

I 5 passaggi fondamentali per la costruzione di un piano editoriale

I passaggi necessari per poterlo mettere in pratica sono: brainstorming, analisi delle risorse, definizione degli obiettivi, strategia e KPI;

  1. Brainstorming (è un’attività in cui individuo tutte le caratteristiche del mio servizio e del mio prodotto e le annoto su un foglio. Fare un vero proprio elenco dei prodotti o dei servizi e per ciascuno individuare i punti di forza e i punti di debolezza magari aiutandosi anche con le recensioni ricevute; capire, se siamo sul mercato già da un po’, chi è il mio target o il pubblico di riferimento e quali sono i miei canali di visibilità e vendita online: social, e-commerce, OTA o altre piattaforme; 
  2. Analisi delle risorse (questa è una fase molto importante perché devo capire quali risorse ho a disposizione da dedicare a questa  attività. Non si tratta solo di capire se ho una disponibilità economica ma capire anche se ho qualcuno, all’interno della mia squadra, che può dedicare tempo ed energia a questo compito oppure se mi devo affidare ad una agenzia esterna avendo ben chiaro il valore della comunicazione digitale e dei risultati che si possono ottenere;piano editoriale
  3. Definizione degli Obiettivi (quali sono gli obiettivi che vogliamo ottenere con un blog o una campagna social? visibilità? più followers? una maggiore conversione? la definizione degli obiettivi unitamente all’individuazione del target di riferimento costituiscono i capisaldi del nostro piano editoriale. Individuarli mi permetterà di costruire un piano editoriale più definito e soprattutto più efficace;
  4. Strategia (subito dopo la definizione degli obiettivi devo decidere la strategia da applicare: scrivere solo per il blog e nel caso con quale frequenza? oltre al blog prendere in considerazione anche i social? e la Newsletter è necessaria? conoscere le potenzialità di ciascuno di questi strumenti è fondamentale se vogliamo dare alla nostra strategia una possibilità concreta;
  5. KPI (Key Performance Indicator) ovvero la misurazione dei risultati ottenuti e il relativo confronto con ciò che ci eravamo prefissati; naturalmente questa attività deve essere monitorata nel tempo (3 mesi, 6 mesi, 1 anno) e non posso pretendere di raggiungere il traguardo in una settimana!

Tone of voice e gli stili di scrittura

Dopo aver buttato giù le linee guida del piano editoriale, possiamo definire gli argomenti da prendere in considerazione e quale tone of voice adottare, ovvero come vogliamo scrivere gli articoli: stile autorevole e quindi la persona che scriverà sul blog dovrà padroneggiare gli argomenti scelti in modo informativo, preciso, coerente magari usando anche un linguaggio tecnico. In genere i blog medici, notarili, ecc. rientrano in questa categoria.

tone of voiceOppure volete avvicinare il pubblico al vostro settore, renderlo partecipe e quindi avete bisogno di usare un tono di voce amichevole, meno tecnico e volto a creare engagement. In questa categoria possiamo trovare i blog dei professionisti come commercialisti, avvocati, ecc. che desiderano arrivare nelle case delle persone, dargli dei contenuti informativi ma con spiegazioni chiare e semplici per incontrare l’interesse delle persone. Ci sono poi dei blog rivolti al tempo libero, alle attività o alle esperienze che si possono fare in una città nuova e il tono di voce deve essere ancora diverso perché oltre alle informazioni deve divertire e intrattenere.

Dopo aver definito la strategia di marketing, gli argomenti e il tone of voice degli articoli, sarete pronti a creare un vero calendario editoriale avvalendosi di un documento excel dove inserire i titoli dei post blog, in modo da organizzare l’attività e condividerla su tutti i vostri canali di comunicazione digitale. 

Qualsiasi sia la vostra modalità di comunicazione, che si tratti di un classico blog o di un social media management, l’importante è creare un piano editoriale che tenga conto da una parte dei vostri prodotti, servizi, attività principali e dall’altra del target a cui volete rivolgervi.

Per saperne di più o per fare una chiacchierata senza impegno io sono a disposizione, insieme creeremo un piano editoriale su misura per te!

by Alessandra Andreani